Una Birra in Val d'Orcia

Volantino OlmaiaUn viaggio tra i profumi e i sapori della val d’Orcia; con queste poche parole possiamo descrivere l’evento di sabato 4 dicembre che Beer Travels ha organizzato in Toscana, presso il birrificio artigianale l’Olmaia di S.Albino, tra Montepulciano e Chianciano.
A farci immergere subito nell’atmosfera toscana è stato Beppe, il gestore del caseificio a piedi di San Quirino d’Orcia, vincitore di numerosi premi per il suo ottimo pecorino di Pienza.
Una degustazione di ben cinque tipologie di formaggi prodotti presso la fattoria Pianporcino hanno lasciato tutti gli ospiti sorpresi, per la bontà e la prelibatezza dei prodotti; passando da un pecorino fresco, a uno stagionato sotto fogli di noci, finendo con una ricotta al peperoncino la mattinata è passata veloce; ovviamente noi di Beer Travels abbiamo sempre il “pallino” della birra, quindi non potevamo che abbinare ai formaggi di Beppe la PVK dell’Olmaia, una birra molto fruttata, prodotta con cereali tipici della Val d’Orcia, molto leggera, beverina e dissetante, adatta a esaltare il saporito o il piccante dei formaggi.DSCF4553 Small
A sfamare i trentadue viaggiatori è stata invece la Pecora Nera, pub/ristorante ai piedi Montepulciano specializzato nelle birre artigianali.
Come inizio sono stati serviti crostini tipici toscani e ribollita, tipico piatto povero della cucina toscana abbinati alla “5” la chiara molto luppolata del birrificio l’Olmaia; a mio parere una birra molto semplice ma che nel contesto è riuscita a prendersi il suo spazio nel panorama delle birre italiane, forse proprio per quel suo carattere deciso tipico delle ale.
A seguire arista di maiale e fagioli all'uccelletto con salsiccia sono stati accompagnati dalla “9”, una ale rossa con sentori  di scorza di arancio e con un gusto persistente. A mio parere una delle birre migliori che il birrificio toscano produce, tra l’altro ha anche ricevuto 5 stelle nella recente guida Slow Food.
Ultima chicca del pranzo è stato un tiramisù (veramente buono!) fatto con la birra e abbinato all’amaro della BK, la scura sulla linea delle porter e delle stout del birrificio toscano.
DSCF4578 SmallUltima tappa del tour organizzato da Beer Travels è stato la casa dell’Olmaia, in altre parole il birrificio, dove il simpatico birraio Moreno ha spiegato il procedimento di produzione della birra e ci ha viziato alla fine con una degustazione della loro birra natalizia, la Christmas Duck ovvero l’anatra di Natale, una ale molto forte aromatizzata con miele.
Dopo esserci riempiti lo stomaco e lo spirito ci siamo incamminati di nuovo verso Roma, se non fosse stato per un piccolo imprevisto.
Infatti, dopo una sosta in autogrill il pullman non voleva più ripartire. E se non fosse stato per un gruppo di camionisti polacchi, molto gentili e competenti che in circa 20 minuti hanno fatto ripartire il mezzo, probabilmente il ristorno sarebbe stato molto più “doloroso”. Dopo aver ringraziato debitamente i tre ragazzi polacchi e dopo avergli affidato ufficialmente qualche bottiglia della Christmas Duck, il ritorno è stato rapido e indolore.
Quindi un grazie a tutti i partecipanti all’evento, un arrivederci al prossimo viaggio, e con l’augurio che la birra toscana dell’Olmaia abbia fatto contenti anche i tre camionisti polacchi…

 

Simone Reggi

Articoli più Letti

Loading feeds...

 

Video Gallery

 

          Facebook Twitter GooglePlus
          YouTube Instagram Rss

Calendar

June 2019
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Next Eevents

We have 77 guests and no members online

Sponsor

galluzzi

 

 

 

 

 

 

FoutItalianFriends

 

 

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand