Birrificio Italiano: Una Storia Italiana

BirrificioItalianoDa pochi giorni è terminata una delle competizioni più importanti d’italia, ovvero Birra dell’Anno di Unionbirrai, che, come dicevo ieri, ha nominato il Birrificio Italiano di Agostino Arioli il Birrificio dell’anno.
L’articolo di oggi lo vorrei dedicare interamente a questo birrificio, che può essere considerato uno dei pilastri della birra artigianale italiana.
Agostino Arioli, fondatore del Birrificio Italiano si appassiona alla birra fin da giovane, e mentre molti di noi bevevano latte con il Nesquik, lui già si cimentava nelle prime cotte casalinghe.
Dopo varie peripezie nel 1996 apre i battenti il Birrificio Italiano, primo birrificio della Lombardia e tra i primi dello stivale, con ormai più di dieci anni di attività.
Un vero amante della birra artigianale italiana non può non aver mai assaggiato la Tipopils, una birra eccezionale, limpida, profumata, amara al punto giusto, da far invidia anche a le originali pils ceche; una birra che se ne bevi un bicchiere è poco, ma anche due, tre quattro ecc sono pochi…insomma non smetteresti mai, per quanto è fresca e beverina.
Oppure non possiamo non menzionare la Bibock, la seconda nata nel birrificio; una ricetta che risale addirittura la 1997. Un'altra eccellente creazione del birrificio, che da prova dell’abilità di Agostino con le basse fermentazioni.
E non possiamo certo dimenticare la Vudù, o le altre splendide produzioni del birrificio.
Ma andiamo a vedere nel dettaglio le birre che hanno fatto del Birrificio Italiano, al concorso Unionbirrai, il migliore Birrificio d’italia.
Nelle birre chiare, alta e bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione tedesca ovviamente non poteva non essere presente la Tipopils, che con un secondo posto conferma comunque di essere una delle migliori pils oggi trovabili in Italia.
Altro podio, questa volta al terzo posto, nella categoria birre con frumento maltato, di ispirazione tedesca troviamo la B.I. Weizen, una weizen in pieno stile che ho bevuto tempo fa, che però non ho amato alla follia, forse perché non mi fanno impazzire le birre di frumento tedesche, ma che dopo questa vittoria riassaggerò più attentamente.
Primo posto che invece mi sono (aimè) lasciato sfuggire è stata la Scires, che ha trionfato nella categoria delle Birre alla frutta di alta e bassa fermentazione. Una birra con ciliegie che già in passato aveva occupato il podio, guadagnandosi un secondo posto nel 2006 nella categoria Birre acide, affumicate o maturate in legno e un primo posto nel 2008 nella categoria delle Birre aromatizzate con spezie o frutta.
Una medaglia d’oro nella categoria Birre alla frutta, alta e bassa fermentazione, è già il top per un birrificio, ma piazzarsi anche al secondo posto non ha eguali.
Infatti, sul secondo gradino del podio possiamo trovare un’altra creazione di Agostino, ovvero la Cassissona, una birra prodotta con l’aggiunta di cassis, un liquore tipico della Borgogna che si ottiene dal ribes. Anche questa squisitezza non l’ho mai provata, ma sicuramente la aggiungerò alla lista di birre da provare a breve.
Ultimo podio per il birrificio di Agostino è merito invece della BRQ SC#3, che ha occupato il secondo posto nella categoria delle birre acide. Di questa birra so veramente poco  e nulla, e credo (spero di non sbagliarmi) che sia una birra non ancora in commercio, e neanche sul sito del birrificio è menzionata, ma sicuramente a breve lo sarà, visto la medaglia d’argento ricevuta.
Ancora complimenti al Birrificio Italiano, al suo birraio e a tutti i suoi collaboratori, con l’augurio di non perdere mai lo spirito e la passione che li ha fatti arrivare fino ad oggi e soprattutto con l'augurio di produrre sempre, ottima, birra.

Simone Reggi

Add comment

     


Security code
Refresh

Articoli più Letti

Loading feeds...

 

Video Gallery

 

          Facebook Twitter GooglePlus
          YouTube Instagram Rss

Calendar

October 2019
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Next Eevents

We have 13 guests and no members online

Sponsor

galluzzi

 

 

 

 

 

 

FoutItalianFriends

 

 

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand