L'accisa e Altri Mostri

MostriMi è capitato di notare, da un po’ di tempo, che tutti quelli che si dilettano con la birra artigianale, chi più, chi meno, dal maestro di cerimonia, gran bevitore amante di stili estremi, fino al teenager di primo pelo, o meglio di prima IPA, inveiscono contro il prezzo troppo alto della birra, riempendosi la bocca con una parolina: accisa.
Facciamo un passo alla volta. Che cosa è l’accisa? quanto è in percentuale sul prezzo della birra? Chi ne controlla il pagamento? Tutte risposte che potete trovare facilmente in rete e che non riporto qui per non dilungarmi troppo; basti dire che “Per accisa, in scienza delle finanze si intende una imposta sulla fabbricazione e vendita di prodotti di consumo”…”È un tributo indiretto che colpisce singole produzioni e singoli consumi. È indiretto perché il produttore, che paga il tributo, la gira al consumatore” (fonte Wikipedia).
Se volete altre info, potete cercare spiegazioni più dettagliate su siti che trattano di birra o sui siti degli organi statali competenti. Tra tutti consiglio www.salvalatuabirra.it nato apposta per arrestare l’aumento dell’accisa e per dare informazioni sull'argomento.
Tra poco più di trenta giorni, oltre ad essere natale e oltre ad entrare nel nuovo anno, ci sarà l’aumento (previsto) dell’accisa sulla bevanda di Cerere, precisamente del 12.6%. Ma è veramente l’accisa l’unica causa del prezzo elevato della birra in Italia? da quanto condiviso con amici, publican e birrai, no.
 
I Trasporti
Spesso non sono considerati dal consumatore finale, ma il costo Kegsdel trasporto per far arrivare la mia birretta preferita al beershop sotto casa, lo paghiamo. Anche se in una percentuale bassissima il prezzo della singola bottiglia, o bicchiere di birra che consumiamo contiene anche il costo che il rivenditore (pub, negozio, ristorante, ecc.) ha dovuto sostenere per avere disponibile quel determinato prodotto. Ciò, è però un vantaggio per il consumatore, che ha più scelta e ha la possibilità di arrivare a prodotti non facilmente reperibili in modo autonomo. Un’ alternativa è acquistare le birre direttamente presso il birrificio, cosa che noi di BeerTravels spingiamo da anni, oppure se non vi volete imbarcare in viaggi rocamboleschi potete fare affidamento a uno dei numerosi GAS, gruppi di acquisto solidale che da un po’ di anni si pongono a metà strada tra il produttore e il consumatore, riducendo le spese di spedizione. Che io sappia non esiste un GAS per la birra, e spero che qualcuno lo metta in piedi presto. Va detto però che acquistare birra tramite canali “moderni” (beershop online, gas ecc.) è funzionale solo se siete disposti a rinunciare al fascino di una birra al pub o in un locale.
 
Il Costo delle Materie Prime
Anche se negli ultimi tempi, birrifici, birrai e home brewer stanno iniziando a produrre "in casa" le materie prime necessarie per la realizzazione della birra, la maggior parte degli ingredienti necessari a creare la nostra bevanda preferita, proviene dall’estero. Malti e luppoli acquistati in Germania, Belgio, est Europa, USA sono un esempio lampante di prodotti importati. Anche qui, al costo del prodotto finale vanno aggiunte le spese di spedizione, di stoccaggio che sicuramente sarebbero minori se l’Italia fosse ricca di piantagioni di luppolo o di malterie. Ma noi abbiamo altro, quindi alla fine non ci possiamo lamentare molto.
Piccola nota: negli ultimi anni sono nati i birrifici agricoli, di cui si è ampiamente parlato in passato, ovvero birrifici in grado di realizzare birra quasi esclusivamente con materie prime autoprodotte.
 
I Contenitori
purtroppo un altro costo da aggiungere al prodotto finale è quello riferito alle spese fatte per l’acquisto di bottiglie e fusti. Purtroppo, salvo che non abbiate la possibilità di spillarvi la birra direttamente dall’impianto, bottiglie e fusti (keg) sono fondamentali nella filiera del commercio della birra artigianale.
In alcuni stati ci sono campagne a favore del riutilizzo di contenitori vuoti (bottiglie) che se riconsegnate al birrificio o al rivenditore, sono scambiate con un buono acquisto o addirittura pagate, ma spesso la procedura di lavaggio, pulizia sterilizzazione costa al birrificio più di acquistare nuove bottiglie.
Per quanto riguarda i fusti invece, negli ultimi anni stanno prendendo piedi i keg di plastica (PET), più economici, leggeri, con le stesse caratteristiche del classico fusto in alluminio o acciaio, riciclabili (non riutilizzabili) e con un costo minore.
 
INPSI Dipendenti
La birra purtroppo non nasce da sola e a meno che il birraio non abbia qualche super potere, si avvale di collaboratori che lo aiutano nei vari procedimenti di birrificazione. Dalla cotta vera e propria, all’imbottigliamento/infustamento, alla pulizia degli impianti e del birrificio fino a mansioni prettamente più burocratiche e commerciali. Il costo di un dipendente, sia esso un collaboratore, uno stagista, un consulente, ha dei costi che sono uguali agli stessi costi che ha una multinazionale, solo che, come potete immaginare, l’impatto che tali costi hanno su una grande azienda è di gran lunga differente su quello che può avere su un birrificio artigianale. Purtroppo però questo non è un problema che riguarda il mondo della birra artigianale, ma tutto il nostro bel paese, quindi credo che in questo caso ci sia poco o nulla da fare. Resta il fatto che i birrifici ci pensano due volte prima di assumere qualcuno.
 
Le Strutture
Noi di BeerTravels che amiamo viaggiare e andare trovare i birrai direttamente presso i birrifici, di strutture, ne abbiamo viste un po’ e possiamo dire che sono pochi i birrifici che possiedono la struttura in cui producono birra. Molti sono in affitto e molti hanno investito molto su l’acquisto di un magazzino o uno stabile adatto a ospitare un birrificio. Anche qui i costi ci sono, e pure alti e a meno che il birrificio, inteso come azienda, non decida di utilizzare il garage del birraio, questi costi saranno sempre presenti nei conti che il birrificio deve fare alla fine del mese.
 
Il Nostro Background
L’Italia non è un paese con una grande storia alle spalle in fatto di birra e la maggior parte delle volte che si parla con dei turisti sulle eccellenze enogastronomiche italiane, il protagonista è il vino e non la birra.
E nonostante, oggigiorno, i birrifici siano cresciuti in modo esponenziale, e i prodotti brassicoli italiani siano famosi nel mondo, la birra artigianale è vista ancora come una prodotto di nicchia, quasi nascosto al grande pubblico, ed è proprio per questo che lo stato sa di potersene approfittare, poiché, prodotto di qualità a cui i veri amanti e appassionati non potranno mai rinunciare.  Smettereste di acquistare birra artigianale se il prezzo finale lievitasse a causa delle accise? io sinceramente no.
Situazione ben diversa quella del vino, che neanche viene sfiorato da tassazioni e accise varie.
 
La Gloria!
E’ inutile dirlo: fare la birra è un lavoro. Da centinaia di anni gli uominiGloria sopravvivono praticando il mestiere del birraio, e ancora oggi è lecito, anzi è doveroso che un birraio raccolga i frutti della sua fatica. Certo fare la birra è divertente, si beve, si incontra gente, si partecipa ai festival, si viaggia, ma non di solo “birra” vive l’uomo. Tempo, denaro e sacrificio sono alcuni degli ingredienti che i birrai, che a volte preferiscono essere chiamati mastri, a volte no, utilizzano per produrre una delle più antiche bevande del mondo, e forse anche la prima. La Birra con la B maiuscola.
Quindi è anche giusto che in quegli euro spesi per acquistare la nostra bevanda preferita, una parte vada anche a chi quella birra, l’ha ideata, fatta nascere, coccolata e servita.
 
 
Simone Reggi
 

Add comment

     


Security code
Refresh

Articoli più Letti

Loading feeds...

 

Video Gallery

 

          Facebook Twitter GooglePlus
          YouTube Instagram Rss

Calendario Eventi

Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Prossimi Eventi

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online

Sponsor

galluzzi

 

 

 

FoutItalianFriends

 

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul tasto APPROVO acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Per saperne di piu'

Approvo
La presente Cookie Policy è relativa al sito www.beertravels.net  (“Sito”) gestito dalla Associazione Culturale BeerTravels
 
I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.
Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.
Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.
 
Cookies tecnici
I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.
Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.
 
Tipologie di cookies utilizzati
 
Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.
 
Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.
 
Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre BeerTravels utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. BeerTravels non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; BeerTravels a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di BeerTravels si applica solo al Sito come sopra definito.
Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali: 
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.
Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.
Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.
 
Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.
 
1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza BeerTravels
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
   
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza BeerTravels
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
   
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza BeerTravels
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)
 
Come modificare le impostazioni sui cookies
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; -Safari; - Windows Phone; - Blackberry.
 
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da BeerTravels.